Consenso all'uso dei cookie

Tu sei qui

Art. 42-bis TUE: i presupposti

Privato
Mercoledì, 3 Febbraio, 2021 - 14:15

Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, (Sezione Prima Quater), sentenza n. 648 del 18 gennaio 2021, sui presupposti per l’applicazione dell’art. 42-bis TUE

MASSIMA

In materia di espropriazione per pubblica utilità, la normativa di cui all'art. 42 bis del D.P.R. n. 327/2001 è applicabile in presenza dei presupposti da essa previsti e cioè laddove una autorità utilizzi un bene immobile per scopi di interesse pubblico e tale bene sia stato modificato in assenza di un valido ed efficace provvedimento di esproprio o dichiarativo della pubblica utilità (Cons. Stato, Sez. IV, 30/01/2020, n. 753).

Per costante e condivisibile giurisprudenza (Cons. Stato, Sez. IV, 19/10/2015, n. 4777) si prevede, al fine della valida adozione del provvedimento di acquisizione, una motivazione rafforzata, con l'esibizione delle attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico che ne giustificano l'emanazione, valutate comparativamente con i contrapposti interessi privati ed evidenziando l'assenza di ragionevoli alternative alla sua adozione (Corte Costituzionale, 30/04/2015, n. 71).

Il procedimento di acquisizione ex articolo 42 bis deve ritenersi autonomo rispetto al procedimento espropriativo ordinario, per cui i vizi del procedimento espropriativo non possono ricadere sul procedimento di acquisizione sanante, istituito dalla legge proprio al fine di ricondurre nei canoni della legalità un procedimento illegittimamente condotto.

SENTENZA 

Registrati

Registrati per accedere Gratuitamente ai contenuti riservati del portale (Massime e Commenti) e ricevere, via email, le novità in tema di Diritto delle Pubbliche Amministrazioni.

Contenuto bloccato!

Poiché non avete dato il consenso alla cookie policy (nel banner in alto), questo contenuto è stato bloccato. Potete visualizzare i contenuti bloccati solo dando il consenso all'utilizzo di cookie di terze parti nel suddetto banner.