Consenso all'uso dei cookie

Tu sei qui

I servizi pubblici locali (di rilevanza economica) e le società partecipate

Giovedì, 7 Marzo, 2024 - 09:00 Giovedì, 18 Aprile, 2024 - 13:00
Tipologia: 
Corso
Tipo corso: 
MASTER
Modalità: 
Webinar
Costo: 
COSTO INTERO MASTER: ENTRANO 3 PERSONE € 1.200,00 (oltre 22% iva se dovuta) ed € 2 di bollo - DAL 4° € 600,00 - singola giornata € 450,00 per 3 partecipanti ed € 200 dal 4°

Master

I servizi pubblici locali (con rilevanza economica) e le società partecipate

(aspetti operativi, modelli di gestione, interazioni tra enti e società)

(Webinar – 7-14-21 marzo e 11-18 aprile 2024, ore 9/13)

Destinatari: Amministratori di enti locali, Amministratori e Dirigenti di Società partecipate, Amministratori e Dirigenti di Enti d’ambito, Segretari Comunali e Provinciali, Responsabili Servizio Affari Istituzionali, Responsabili Servizio Rapporti con le partecipate; Responsabili Servizio Finanziario / Ragioneria.

Obiettivi: Il d.lgs. n. 201/2022 ha definito il riordino complessivo della disciplina in materia di servizi pubblici locali di rilevanza economica, rimodulando in termini di maggior specificazione istituti già esistenti (come ad es. il contratto di servizio) e introducendo strumenti innovativi, necessari per “fotografare” lo sviluppo dei servizi stessi nell’arco dell’affidamento (come ad es. il piano economico-finanziario).

I rapporti tra l’ente affidante e il soggetto gestore devono essere obbligatoriamente definiti in un quadro pattizio dettagliato, nel quale la gestione deve risultare coerentemente collegata alle dinamiche di investimento ed economico-finanziarie, che devono essere tradotte in specifici piani, in rapporto alla durata dell’affidamento.

Il d.lgs. n. 201/2022 richiede anche che gli enti affidanti effettuino una verifica dell’andamento gestionale dei servizi pubblici locali con rilevanza economica, su base annuale.

Il nuovo quadro normativo, definendo gli elementi di riordino complessivo del sistema dei servizi pubblici locali di rilevanza economica, stabilisce alcune condizioni di riferimento che devono essere rispettate dagli enti di governo degli ambiti e dagli enti locali (quando direttamente responsabili dei servizi) nei processi organizzativi e nelle procedure di affidamento di tali attività.

Proprio in relazione ai moduli organizzativi che possono essere scelti, il decreto introduce un quadro classificatorio che chiarisce le condizioni di utilizzo di modelli già consolidati, evidenziando l’eccezionalità dell’in house (possibile solo verso società partecipate) e consentendo anche soluzioni flessibili alle amministrazioni locali per la gestione di servizi non a rete (in forma diretta o con l’azienda speciale).

Per le società partecipate, in particolare, la scelta del modello di affidamento si raccorda frequentemente a quella di costituire una nuova società o di partecipare a una società già esistente, con una combinazione sostanziale con l’analisi che deve essere effettuata ai fini della predisposizione del provvedimento motivato richiesto dall’art. 5 del d.lgs. n. 175/2016, nella riformulazione apportata nel 2022.

Il significativo periodo di attuazione del quadro normativo di riferimento per le società partecipate (definito dal d.lgs. n. 175/2016), i processi di razionalizzazione straordinaria e ordinaria, le nuove regole del “gruppo ente locale” e l’evoluzione dei percorsi regolativi inerenti in particolare gli affidamenti dei servizi hanno fatto emergere numerose problematiche sia nei rapporti tra le Amministrazioni socie e le stesse società, sia nella soddisfazione di obblighi specifici in ordine a vari settori di attività.

Peraltro lo stesso d.lgs. n. 201/2022, sul riordino della disciplina dei servizi pubblici locali di rilevanza economica, ha valorizzato il modello societario nell’ambito dei moduli gestionali e ha definito in modo dettagliato gli elementi compositivi del rapporto, attraverso la schematizzazione del contratto di servizio.

Le modifiche all’art. 5 del d.lgs. n. 175/2016 e gli interventi di controllo della Corte dei Conti e dell’Agcm sulla costituzione di nuove società e su varie operazioni societarie hanno posto in evidenza la necessità di strategie complessive, fondate su piani industriali ed in grado di sostenere l’equilibrio economico-finanziario delle attività che la società va a svolgere.

Il percorso formativo è pertanto finalizzato a consentire ai partecipanti di focalizzare i principali elementi critici sia in relazione ai servizi pubblici locali sia relativi alle interazioni con le società partecipate, in una prospettiva di rafforzamento delle competenze, di affinamento dell’analisi delle criticità e di sviluppo di soluzioni operative adeguate.

Modalità di sviluppo: l’attività formativa sarà realizzata in modalità frontale, attraverso piattaforma telematica (formazione a distanza con webinar).

Il percorso formativo guiderà i partecipanti nell’analisi del quadro normativo che disciplina i servizi pubblici locali (con rilevanza economica) e le società partecipate, associando ai vari elementi del percorso schemi e modelli, al fine di consentire una proiezione operativa efficace.

Durata: il percorso formativo del Master sarà sviluppato in cinque moduli, ciascuno con durata di 4 ore, per un totale complessivo di 20 ore.

Destinatari: data la sua particolare impostazione operativa, al corso possono partecipare sia operatori specializzati sia operatori con media esperienza nella gestione dei rapporti con le società partecipate e nello sviluppo dei servizi pubblici locali.

Il Master non porterà alla sola formazione basata su una esclusiva relazione del docente, quanto, piuttosto, una miscela tra didattica frontale e confronto con i partecipanti come se si fosse in vera e propria aula reale. Per raggiungere tale obiettivo, nell’aula virtuale, un operatore di Diritto Amministrazioni gestirà la piattaforma ed assisterà il Docente, con lettura in diretta delle chat a fine interventi e condividendo informazioni a schermo intero.

****

Le quattro giornate formative sono ravvicinate, per concentrare e non disperdere il bagaglio di informazioni e confronto che solo una formazione su misura riesce a dare.

Gli incontri si terranno:

Ben 5 giornate formative ad altissimo livello interattivo con il docente, nelle quali si alterneranno momenti di didattica diretta con le spiegazioni teoriche a momenti di confronto e risoluzione dei quesiti dei partecipanti (che potranno inviare quesiti in diretta ovvero per iscritto fino a 2 giorni prima dell’inizio del Master).

7-14-21 marzo e 11-18 aprile 2024, ore 9/13

Il Master è pensato e strutturato per essere fruito nella sua interezza, ma possono essere acquistate anche singole giornate

Il costo dell’intero Master è di € 1.200,00 (+ € 2 di bollo, e 22% iva se dovuta) per 3 partecipanti - Dal 4° partecipante in poi € 600,00  

per singola giornata € 450 per 3 partecipanti, € 200 dal 4° partecipante 

LE ISCRIZIONI DOVRANNO INTERVENIRE INVIANDO IL COUPON ALLEGATO ALLA PRESENTE ALL’INDIRIZZO INFO@DIRITTOAMMINISTRAZIONI.IT.

PER INFO: INFO@DIRITTOAMMINISTRAZIONI.IT.

NOTE ORGANIZZATIVE FINALI

Il corso specialistico è della durata di 20 ore di formazione on line e prevede:

Formazione webinar con possibilità di interazione col docente sia via chat (con moderatore che leggerà le domande), sia via diretta con telecamere e microfoni accesi

Possibilità di inviare per mail (ad info@dirittoamministrazioni.it) fino a 2 giorni prima dell’avvio del Corso quesiti scritti che troveranno risposta (anonima, senza riferimento al caso concreto), in aula virtuale da parte del Docente

Utilizzo di piattaforma con alta affidabilità e con condivisione schermo del docente

Materiale didattico rappresentato dalle slides del docente, commenti, modulistica, rassegna di giurisprudenza

Attestato di partecipazione con indicazione del numero complessivo di ore d’aula – n.20 frequentate 

L’organizzazione – Diritto Amministrazioni

Diritto Amministrazioni è una società impegnata nel mondo della ricerca e della formazione; prende le mosse dall’omonimo portale di informazione giuridica (www.dirittoamministrazioni.it) presente nel web dall’anno 2014, rivolto agli operatori di settore della pubblica amministrazione ed ai privati interessati ai temi del diritto amministrativo, dell'espropriazione per p.u., delle acquisizioni e dismissioni di immobili dalla PA, dell'urbanistica e dell'edilizia. Come meglio raffigurato dal logo che la contraddistingue, Diritto Amministrazioni si lega alle 6 macro – aree presenti nel portale e, con una crescita continua e costante, si indirizza ad un traguardo: quello di rendere gli operatori di settore della PA ed i privati che la seguono solidi nel proprio cammino professionale. Questa la mission di Diritto Amministrazioni: professionalità e crescita continua.

Il Docente del Master  

Docente:  dott. Alberto Barbiero. 

Consulente amministrativo gestionale in materia di appalti e servizi pubblici locali, formatore, consulente di enti locali, società partecipate e imprese, autore di pubblicazioni in materia, collaboratore de “Il Sole 24 Ore”.

IL PROGRAMMA

(Il programma sarà trattato dal Docente nella sua interezza, fermo restando che, a suo giudizio, la “scaletta” delle giornate, se necessario in base alle esigenze di aula, potrà subire leggere variazioni)

PROGRAMMA

Modulo 1

I servizi pubblici locali: quadro normativo e elementi generali

La disciplina generale dei servizi pubblici locali di rilevanza economica:

Le definizioni generali di riferimento  nel d.lgs. n. 201/2022 (cos’è un servizio pubblico locale di rilevanza economica) ● Il rapporto tra la normativa generale e le normative settoriali  ● I servizi pubblici a rete e non a rete ● L’incentivazione alle soluzioni aggregative ● La distinzione tra la regolazione e la gestione rispetto alle macro categorie di servizi pubblici (a rete e non a rete) ● Il percorso per l’istituzione di un servizio pubblico da parte di un ente locale ● La deliberazione istitutiva e la motivazione: analisi di un modello.

Gli elementi essenziali per la gestione del servizio pubblico locale:

Il quadro di definizione delle prestazioni relative al servizio in rapporto alle esigenze della collettività e agli obiettivi di efficacia ● Gli obblighi di servizio pubblico ● Analisi di alcune clausole specificative di obblighi di servizio pubblico ● Il sistema di remunerazione dei servizi ● Le tariffe per l’utenza (elementi definitori)

Analisi di uno schema di sistema per la composizione tariffaria ● Le compensazioni per gli obblighi di servizio pubblico ● Gli standard dei servizi: il quadro degli elementi di riferimento dettati dalla normativa, dalle Autorità di regolazione e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri ● Il Decreto Direttoriale del Ministero per le imprese del 31 agosto 2023: le linee-guida per i PEF e gli indicatori di qualità per alcune tipologie di servizi pubblici non a rete ● La trasposizione degli standard nella definizione dei rapporti con gli utenti dei servizi: la Carta della Qualità dei servizi ● Analisi di alcuni standard di servizi pubblici locali di rilevanza economica.

Il contratto di servizio e il sistema dei controlli: ● La nuova disciplina generale del contratto di servizio nell’art. 24 del d.lgs. n. 201/2022 ● Natura e funzioni del contratto di servizio nella regolamentazione dei rapporti tra ente affidante e soggetto gestore ● Le clausole essenziali per tutti i contratti di servizio ● Le clausole per i contratti per i servizi pubblici locali a domanda individuale ● Il rapporto tra le regole generali del d.lgs. n. 201/2022 e le disciplina settoriali ● I contratti-tipo: la delibera Arera del 3 agosto 2023 sullo schema di contratto-tipo per il ciclo integrato dei rifiuti ● Gli allegati necessari del contratto di servizio ● Adeguamenti e modifiche del contratto di servizio ● Il monitoraggio, la vigilanza e il controllo sulla gestione (le clausole regolative nel contratto di servizio e gli strumenti correlati) ● Il sistema dei controlli e le verifiche periodiche sulla situazione gestionale del servizio ● Analisi di uno schema strutturato di un contratto di servizio.

Il piano degli investimenti e il Piano economico-finanziario: ● Il rapporto tra la gestione del servizio e gli investimenti ● Funzioni e contenuti del Piano degli Investimenti ● L’equilibrio economico-finanziario nella gestione del servizio (e nella correlata realizzazione degli investimenti) ● Funzioni, struttura e contenuti essenziali del Piano economico-finanziario ● L’obbligatorietà del PEF per i servizi pubblici a rete ● La funzione sostanziale del PEF per i servizi pubblici locali non a rete ● Elementi peculiari del PEF (es. l’evidenziazione delle eventuali compensazioni, la valorizzazione del rischio del gestore, le proiezioni nel medio-lungo periodo, ecc.) ● Analisi di uno schema di sintesi di un Piano di investimenti e di un PEF per un SPL.

Modulo 2

I modelli di gestione per i servizi pubblici locali e la verifica dell’andamento gestionale

I modelli organizzativi per la gestione dei servizi pubblici locali con rilevanza economica: ● La procedura ad evidenza pubblica con confronto tra operatori di mercato: appalto o (preferibilmente) concessione ● L’affidamento a società miste con scelta con gara del socio privato operativo (gara a doppio oggetto) ● L’affidamento in house ● La particolare procedura per l’affidamento in house: la verifica delle ragioni di mancato ricorso al mercato e dei benefici per la collettività ● Analisi di uno schema di verifica di congruità e di evidenziazione dei benefici per la collettività ● La gestione (diretta) in economia da parte dell’ente locale o l’affidamento ad azienda speciale (per i servizi non a rete) ●  Le collaborazioni progettuali con i soggetti del Terzo Settore: esempi di interazioni possibili (schema).

Moduli per reti e infrastrutture: ● I modelli per la gestione di reti e dotazioni infrastrutturali: gestione congiunta con il servizio o gestione separata ● Il conferimento di reti e infrastrutture a una società a capitale interamente pubblico, con affidamento in house ● La nuova disciplina dell’esecuzione dei lavori connessi alla gestione ● Esempio di clausole regolative dell’esecuzione dei lavori su reti e dotazioni infrastrutturali ● Il regime del subentro del nuovo gestore.

Elementi peculiari degli affidamenti: ● Il rapporto tra la complessità gestionale, gli investimenti e la durata dell’affidamento ● La componente “industriale” e la componente economico-finanziaria ● Le tutele sociali.

La verifica annuale sull’andamento gestionale: ● L’obbligo di verifica (annuale) sull’andamento gestionale dei servizi pubblici locali con rilevanza economica: le previsioni che la regolano nell’art. 30 del d.lgs. n. 201/2022 ● Come effettuare la verifica in rapporto a Contratto di Servizio e PEF ● La relazione di sintesi della verifica (il modello proposto da ANCI e “validato” dall’Anac).

La trasparenza relativa ai servizi pubblici locali: ● L’obbligo di trasparenza relativo ai singoli affidamenti di servizi pubblici locali: la comunicazione ad Anac per la pubblicizzazione sulla relativa piattaforma ● L’obbligo di pubblicazione della relazione annuale sull’andamento gestionale.

Modulo 3

Le Società partecipate: finalizzazione, processo costitutivo, modelli di controllo e processi di razionalizzazione

Il quadro di riferimento per la costituzione o l’adesione a società partecipate da pubbliche amministrazioni: ● Il concetto di società partecipata e di società in controllo pubblico (orientamenti del Mef, della giurisprudenza, dell’Anac e pareri della Corte dei Conti) ● Le finalità per cui possono essere costituite società partecipate (art. 4 d.lgs. n. 175/2016) ● Il processo per la costituzione di una società partecipata o per l’adesione a una società già esistente (artt. 5 e 7 d.lgs. n. 175/2016) ● L’obbligo di motivazione specifica (art. 5 d.lgs. n. 175/2016) nella nuova formulazione introdotta dalla legge n. 118/2022 ● Il rapporto tra la scelta del modello di affidamento di un servizio e l’individuazione di uno dei  moduli societari ● La necessaria valutazione degli aspetti gestionali del servizio in rapporto alla “tenuta” del modulo societario scelto ● Gli elementi evidenziati dalla Corte dei Conti in relazione ai processi di costituzione di società o di adesione a società già esistenti ● Le criticità rilevate dall’Agcm nei processi costitutivi di società o di sviluppo di operazioni societarie.

Modelli di società – Elementi peculiari delle società miste: ● La costituzione delal società mista e la sua “monofinalizzazione” relativa alle attività oggetto delal gara pèer la scelta del socio privato operativo ● L’art. 17 del d.lgs. n. 175/2016 e le indicazioni della giurisprudenza in ordine alle procedure per la scelta del socio privato operativo per la società mista  (gare a doppio oggetto) ● Le particolari deroghe al diritto societario per le società miste (art. 16) ● Analisi di clausole statutarie e di patti parasociali per la definizione delle deroghe: focus sugli elementi regolativi dei poteri particolari per il socio pubblico

Modelli di società – Elementi peculiari delle società in house: ● Il principio di auto-organizzazione e l’autoproduzione come modulo possibile nell’art. 7 del d.lgs. n. 36/2023 ● L’in house nel quadro del diritto euro-unitario (dalla sentenza Teckal alle Direttive 2014) ● I requisiti essenziali per l’in house: controllo analogo, attività prevalente e partecipazione interamente pubblica ● Gli Gli elementi specificativi dei requisiti essenziali dell’in house nell’art. 16 del d.lgs. n. 175/2016 ● Gli elementi configurativi del controllo analogo e le differenze dal “controllo pubblico” ● Controllo analogo ex ante, contestuale e ex post ● Il controllo analogo congiunto ● Le regole da inserire nello statuto societario ● La definizione di patti parasociali o altro tipo di accordi per la regolamentazione del controllo analogo congiunto ● Il controllo analogo esercitato mediante altro soggetto (indiretto o mediante holding)● Le particolari deroghe al diritto societario per le società in house (art. 16) ● Analisi di clausole statutarie e di patti parasociali per la definizione delle deroghe: focus sugli elementi regolativi del controllo analogo● Calcolo dell’attività prevalente e eventuali correttivi ● Le condizioni sostanziali per l’affidamento in house: la verifica di congruità e dei benefici per la collettività.

Le principali criticità nei processi di razionalizzazione: ● La razionalizzazione periodica delle partecipazioni: processo e parametri di riferimento (art. 20 d.lgs. n. 175/2016) ● Le indicazioni della Corte dei Conti in sede di controllo dei piani di razionalizzazione ● Le regole e gli interventi giurisprudenziali inerenti le procedure per la cessione di azioni/quote in base all’art. 10 del d.lgs. n. 175/2016 ● Le problematiche inerenti la cessione di rami d’azienda e le fusioni.

Modulo 4

Le interazioni tra l’ente socio e la società partecipata: profili di regolamentazione, organizzativi ed economico-finanziari

Le regole per le interazioni tra ente socio e società partecipata: ● I poteri dell’amministrazione pubblica come socio (della società partecipata): elementi essenziali dal diritto societario e elementi particolari disciplinati dagli artt. 9, 12,  13 e 14 del d.lgs. n. 175/2016 ● I soggetti esercitanti i diritti e i poteri del socio pubblico ● Gli elementi regolatori per la designazione degli amministratori delle società partecipate ● La responsabilità degli enti soci e le decisioni pregiudizievoli per le società ● Il quadro di garanzia in caso di irregolarità e l’attivazione dell’art. 2409 del codice civile

Le interazioni in relazione alle dinamiche gestionali e alle dinaimche economico-finanziarie:● L’intervento degli enti pubblici soci in caso di rilevazione di situazioni determinanti la crisi d’impresa ● Le condizioni per gli interventi di sostegno economico (art. 14, comma 4 del d.lgs. n. 175/2016)● L’obbligo di accantonamento per il ripiano perdite nell’arco di un triennio (art. 21) e il divieto oltre tale limite (art. 14, comma 6 d.lgs. n. 175/2016) ● La regolazione del rapporto debiti-crediti tra l’ente e le società partecipate● Le regole per il bilancio consolidato.

Elementi di riferimento per i controlli sulle società partecipate: ● I controlli legati agli obiettivi definiti dall’ente socio ● I controlli sull’andamento gestionale determinati dall’art. 147 e dalle successive disposizioni del d.lgs. n. 267/2000 ● I controlli relativi all’equilibrio economico-finanziario in rapporto al bilancio consolidato e agli obblighi di ripiano delle perdite ● Elementi per l’impostazione di un sistema di controllo sulle società e sugli altri organismi partecipati (gestione associata, suddivisione funzioni tra più settori, esternalizzazione parziale delle attività).

Definizione di regole per la “governance” dei controlli sulle società partecipate: ● L’impostazione di un sistema ri regole della “governance” dei controlli sulle società partecipate (analisi di casi) ● La definizione di elementi relativi al controllo nello statuto societario ● La relazione tra il sistema dei controlli sulla società e il controllo analogo.

La verifica della conformità con la normativa (compliance) dei rapporti tra ente locale e società partecipate: ● Analisi dei principali obblighi degli enti locali soci nei confronti delle società partecipate   ● Focalizzazione sul sistema dei controlli interni ● Focalizzazione sulle problematiche relative al bilancio consolidato ● Elementi per l’impostazione di una check-list per la verifica di conformità.

Modulo 5

Gli aspetti organizzativi delle società partecipate

Gli amministratori delle società partecipate: ● Le regole per la composizione dell’organo di amministrazione (art. 11 d.lgs. n. 175/2016) ● Il sistema delle regole inerenti l’inconferibilità e l’incompatibilità (d.lgs. n. 39/2013) e le possibili incompatibilità regolate dal codice civile ● Il procedimento di nomina: indirizzi e designazione o nomina diretta ● Le responsabilità degli amministratori delle società partecipate ● Presupposti per la revoca ● Le particolari condizioni dello status degli amministratori e le particolari regole per i compensi definite dal d.lgs. n. 175/2016 ● I regolamenti attuativi su status degli amministratori e compensi: lo stato dell’arte● La riduzione dei compensi degli amministratori in caso di risultati negativi per tre esercizi consecutivi (art. 21, comma 3 d.lgs. n. 175/2016).

Le principali criticità nei processi organizzativi e gestionali delle società partecipate: ● Le regole (necessarie) per il reclutamento del personale: analisi di regolamenti e di giurisprudenza● La definizione degli obiettivi per le spese di funzionamento e di personale (art. 19, comma 5 del d.lgs. n. 175/2016): analisi di casi e di criticità. ● Il programma di valutazione del rischio aziendale e la relazione sul governo societario (art. 6, commi 2 e 4 d.lgs. n. 175/2016): analisi di casi e correlazione con i nuovi strumenti introdotti dalla disciplina sulla crisi d’impresa (focus sullo schema messo a disposizione dal MEF) ● Le regole per la possibile reinternalizzazione di risorse umane della società partecipata da parte dell’ente socio.

La verifica della conformità (compliance) dei comportamenti delle Società con le norme che stabiliscono specifici obblighi: ● Analisi dei principali obblighi per le società partecipate in rapporto alla loro configurazione ● Focus sugli obblighi in materia di contabilità separata, appalti pubblici, prevenzione della corruzione, trasparenza ● Focus sul rapporto tra il MOG 231 e il Piano per la prevenzione della corruzione ● Elementi per l’impostazione di una check-list per la verifica di conformità.

Registrati

Registrati per accedere Gratuitamente ai contenuti riservati del portale (Massime e Commenti) e ricevere, via email, le novità in tema di Diritto delle Pubbliche Amministrazioni.

Inserire un indirizzo e-mail valido, al quale il sistema invierà tutte le comunicazioni. L'indirizzo e-mail non sarà pubblico.
Inserisci in entrambi i campi una password per il nuovo profilo.
I tuoi dati
Newsletter

La società Diritto Amministrazioni s.r.l.s., con sede legale in Via Strampelli, 4 02100 Rieti, P.IVA/C.F.: 01213970575, email: info@dirittoamministrazioni.it, PEC: dirittoamministrazioni@pec.it, in qualità di soggetto giuridico Titolare del trattamento, La informa, ai sensi dell'art. 13 Regolamento (UE) n. 679/2016 (in seguito, "GDPR"), che i Suoi dati saranno trattati con le modalità e per le finalità seguenti:

1. OGGETTO DEL TRATTAMENTO

Il Titolare tratta le seguenti tipologie di dati personali:

- dati identificativi di tipo anagrafico (ad esempio: nome, cognome, indirizzo, telefono, email, codice fiscale, data di nascita, foto - in seguito, "dati personali" o anche "dati") da Lei comunicati in occasione: della richiesta di informazioni e/o preventivi; per la conclusione di contratti per i Servizi del Titolare; per l'eventuale valutazione di CV spontaneamente inviati; della iscrizione alla newsletter o della registrazione al sito web dirittoamministrazioni.it.
- dati acquisiti dai sistemi informatici preposti al funzionamento del sito web dirittoamministrazioni.it, acquisiti nel corso del loro normale esercizio, la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet e che non sono raccolti per essere associati a interessati identificati ma che, per loro stessa natura, potrebbero, attraverso elaborazioni e associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati, rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Per qualsiasi accesso al sito, quindi, indipendentemente dalla presenza di un cookie, vengono registrate le seguenti informazioni: tipo di browser (es. Microsoft Edge, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.), sistema operativo (es. Linux, Windows, iOS, ecc.), l’host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito suddetto.
La informiamo che il sito web dirittoamministrazioni.it utilizza il servizio di hosting GDPR Compliant “Aruba S.p.A.”. Per approfondimenti, La invitiamo a visionare tutte le informazioni all’indirizzo: https://www.aruba.it/gdpr-regolamento-europeo-privacy.aspx
La informiamo, inoltre, che la funzionalità di iscrizione alla Newsletter utilizza il servizio GDPR Compliant offerto dalla società francese “Brevo SAS”. Per approfondimenti, La invitiamo a visionare tutte le informazioni agli indirizzi: https://www.brevo.com/it/legal/privacypolicy e https://help.brevo.com/hc/en-us/articles/360001005510-Data-storage-location.
Per quanto inerente alle disposizioni relative ai cookie, La informiamo che il sito web dirittoamministrazioni.it installa cookie tecnici e cookie analitici di terze parti (Matomo Analytics con IP anonimizzato negli ultimi due ottetti, server in UE: https://matomo.org/gdpr-analytics) al fine di visualizzare, in modo aggregato, le visite eseguite sulle pagine del sito web suddetto. Eventuali cookie di profilazione di terze parti, vengono installati solo dopo il consenso esplicito ed informato dell’utente. La invitiamo, tuttavia, ad approfondire l'argomento leggendo attentamente le specifiche Cookie Policy pubblicata online sull’indirizzo web https://www.dirittoamministrazioni.it/cookie-policy.html.

2. FINALITA' E BASI GIURIDICHE DEL TRATTAMENTO

A) Per le seguenti Finalità di Servizio:

  1. elaborare preventivi o quotazioni in relazione ai Servizi del Titolare;
  2. avviare contatti telefonici e/o via email finalizzati alla eventuale conclusione di rapporti contrattuali e/o collaborativi con l'azienda Diritto Amministrazioni s.r.l.s. nell'ambito dei servizi da questa offerti e per i quali è stata contattata tramite telefono, email e finalità strettamente connesse e strumentali alla gestione del suddetto rapporto (ad es. acquisizione di informazioni precontrattuali per dare esecuzione ai servizi richiesti).
  3. concludere contratti per i Servizi del Titolare ed offrire servizi informativi e divulgativi in materia giuridica agli utenti iscritti sul sito web dirittoamministrazioni.it; tramite registrazione al sito web dirittoamministrazioni.it o iscrizione online alla newsletter;
  4. adempiere agli obblighi precontrattuali, contrattuali e fiscali derivanti da rapporti con Lei in essere;
  5. visionare curriculum vitae spontaneamente inviati al fine di selezionare, in caso di posizioni aperte, eventuali figure professionali per l'avvio di rapporti di lavoro e/o collaborazioni;
  6. adempiere agli obblighi previsti dalla legge, da un regolamento, dalla normativa comunitaria o da un ordine delle Autorità (come, ad esempio, in materia di antiriciclaggio) o Organi di vigilanza;
  7. esercitare i diritti del Titolare, ad esempio, i diritto di difesa in giudizio.

Il conferimento dei dati per le finalità di cui alla lettera A) è obbligatorio per usufruire dei servizi del Titolare e trova le sue basi legali di trattamento, per i punti da I a VII, nella gestione dei rapporti contrattuali o precontrattuali o nella gestione di obblighi di natura legale.

B) Solo previo Suo specifico e distinto consenso, per le seguenti Finalità di Marketing:

  1. marketing diretto: inviarLe, via email, posta e/o sms e/o contatti telefonici, comunicazioni commerciali, auguri in occasione di ricorrenze e/o materiale promozionale sui servizi offerti dal Titolare.

Il conferimento dei dati per le finalità di cui alla lettera B) non è obbligatorio per usufruire dei servizi del Titolare e trova la sua base legale di trattamento nel consenso libero ed informato conferito dall'interessato.

3. MODALITA' DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei Suoi dati personali è realizzato per mezzo delle seguenti operazioni: raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, cancellazione e distruzione.
In relazione alle indicate finalità, i dati da Lei forniti per mezzo di supporti cartacei e/o telefonicamente e/o telematicamente (anche mediante la compilazione dei moduli/webform predisposte online), saranno oggetto di trattamento sia cartaceo che elettronico e/o automatizzato. Il trattamento dei dati avverrà sempre in modo da garantirne la sicurezza logica e fisica e la riservatezza.
I dati potranno essere trattati solo da operatori autorizzati, precedentemente nominati in qualità di incaricati al trattamento, che vengono periodicamente aggiornati sulle regole della privacy e sensibilizzati al rispetto e alla tutela della dignità e della riservatezza dell'utente.

4. DURATA DEL TRATTAMENTO

I dati personali raccolti in occasione della stipula di contratti o l'avvio di rapporti di servizio con i clienti, saranno conservati per il tempo necessario per adempiere le finalità relative e, comunque, per un tempo non superiore alle tempistiche connesse agli obblighi legali di conservazione delle scritture contabili (attualmente stabiliti in n. 10 anni).
I dati personali raccolti per finalità di marketing diretto, saranno trattati per non oltre 2 anni dalla raccolta.
I dati personali raccolti e trattati ai fini di elaborare preventivi, offerte o proposte commerciali che non abbiano condotto all'instaurazione di un rapporto contrattuale o di servizio, saranno conservati per un periodo max di 12 mesi dall'invio dell'ultima proposta o revisione dell'offerta.
I curriculum vitae ricevuti, via posta o via email, sono conservati solo per il tempo strettamente necessario all'espletazione delle eventuali procedure di selezione. I CV spontaneamente ricevuti in periodi nei quali non sono aperte procedure di selezione, non verranno ne' visionati, ne' archiviati, ne' conservati in alcun modo ma cancellati o distrutti immediatamente dopo la loro ricezione.
Come riportato dall’Informativa Privacy di Aruba S.p.A., provider del sito web dirittoamministrazioni.it, La informiamo che i dati acquisiti dai sistemi informatici preposti al funzionamento del sito web suddetto “saranno conservati in una forma che consenta l'identificazione dell'Interessato per un arco di tempo non superiore a quello necessario al conseguimento delle finalità per le quali sono stati raccolti tenendo in considerazione le leggi applicabili alle attività e ai settori in cui il Titolare opera. I Dati necessari per assolvere ad obblighi fiscali e contabili sono conservati per 10 anni dal termine del rapporto contrattuale (art. 2220 c.c.). I Dati relativi alle richieste di ordini non pagati o annullati o non conclusi sono conservati per 3 mesi. In caso di Servizi di Posta o Connettività i dati di traffico telematico sono conservati per 6 anni. Decorsi i termini così stabiliti, i Dati sono cancellati o trasformati in forma anonima, salvo che la loro ulteriore conservazione sia necessaria per assolvere ad obblighi di legge o per adempiere ad ordini impartiti da Pubbliche Autorità e/o Organismi di Vigilanza.” (Fonte: www.aruba.it/documents/tc-files/it/11_it_privacy_policy_aruba_spa.aspx).
Come riportato dall’Informativa Privacy della società “Brevo SAS”, provider del servizio di newsletter presente sul sito web dirittoamministrazioni.it, La informiamo, che “i dati personali raccolti da Brevo riguardanti le informazioni di identità e contatto dei suoi Utenti sono archiviati per un periodo massimo di due anni dopo la cessazione del rapporto contrattuale per i clienti Utenti, o dopo la loro raccolta da parte del responsabile del trattamento o dall’ultimo contatto dell’Utente prospect per i dati relativi a questi ultimi. La cessazione del rapporto contrattuale si intende come la risoluzione espressa da parte dell’Utente o il non utilizzo del servizio Brevo per un periodo di cinque anni.” (Fonte: https://www.brevo.com/it/legal/privacypolicy).

5. ACCESSO AI DATI

I Suoi dati potranno essere resi accessibili, per le finalità di cui all'art. 2, anche a società terze o altri soggetti che svolgono attività in outsourcing per conto del Titolare (a titolo indicativo, studi professionali, consulenti, ecc.), nella loro qualità di responsabili esterni del trattamento con i quali il Titolare conferma di aver stipulato apposito contratti che regolamentano l’utilizzo, la protezione e la riservatezza dei dati personali trasferiti.

6. COMUNICAZIONE E TRASFERIMENTO DEI DATI

I Suoi dati non saranno oggetto di diffusione. 
Senza la necessità di un espresso consenso (ex art. 6 lett. b) e c) GDPR), il Titolare potrà comunicare i Suoi dati per le finalità di cui all’art. 2. A) a Organismi di Vigilanza, Autorità giudiziarie, nonché, a quei soggetti ai quali la comunicazione sia obbligatoria per legge per l’espletamento delle finalità dette.
I dati personali sono conservati su supporti cartacei e/o elettronici presso la sede del Titolare situata in Rieti, Via Strampelli, 4.
I dati tecnici raccolti attraverso il sito web dirittoamministrazioni.it, sono conservati, presso i server collocati su territorio europeo del registrar Aruba S.p.A. che garantisce l’adozione di adeguate misure di protezione tecniche ed organizzative sulla base di quanto previsto dal Reg. EU 679/16.
I dati tecnici raccolti attraverso ile servizio di newsletter sono conservati, presso i server collocati su territorio europeo del provider Brevo SAS che garantisce l’adozione di adeguate misure di protezione tecniche ed organizzative sulla base di quanto previsto dal Reg. EU 679/16.
La società Diritto Amministrazioni s.r.l.s. non trasferisce dati personali in Paesi extra-UE.

7. NATURA DEL CONFERIMENTO DEI DATI E CONSEGUENZE DEL RIFIUTO A RISPONDERE

Il conferimento dei dati per le finalità di servizio di cui all'art. 2. A) è obbligatorio. In loro assenza, non potremo garantirLe i Servizi dell'azienda.

Il conferimento dei dati per le finalità di marketing diretto di cui all'art. 2. B) è, invece, facoltativo. 
Può, pertanto, decidere di non conferire alcun dato o di negare, successivamente, la possibilità di trattare dati già forniti, nel qual caso, non potrà ricevere newsletter, comunicazioni commerciali e materiale pubblicitario inerente ai Servizi offerti dal Titolare. Continuerà, comunque, ad avere diritto ai servizi offerti dall'azienda.

8. DIRITTI DELL'INTERESSATO

Nella sua qualità di interessato, la informiamo che ha i diritti di cui agli art. 15 GDPR e, precisamente, i diritti di:

  • ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
  • ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare e degli eventuali responsabili;
  • ottenere: a) l'aggiornamento, la limitazione, la rettificazione, ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato;
  • ricevere, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, i dati personali che la riguardano e di trasmettere tali dati a un altro titolare del trattamento senza impedimenti, qualora: a) il trattamento si basi sul consenso o su un contratto; b) il trattamento sia effettuato con mezzi automatizzati; c) sia tecnicamente fattibile;
  • opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che La riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che La riguardano a fini di invio di materiale diverso da quanto necessario per l’espletamento del servizio (es. pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale, mediante l’uso di sistemi automatizzati di chiamata senza l’intervento di un operatore mediante e-mail e/o mediante modalità di marketing tradizionali mediante telefono e/o posta cartacea);
  • proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali.

9. MODALITA' DI ESERCIZIO DEI DIRITTI

Per esercitare i suoi diritti, inviando:

  • una raccomandata A/R all'indirizzo Via Strampelli, 4 - 02100 Rieti;
  • una email all'indirizzo email info@dirittoamministrazioni.it o alla casella PEC: dirittoamministrazioni@pec.it.

Se ha domande o desidera semplicemente avere maggiori informazioni sul trattamento dei suoi dati personali, può inviare una e-mail all’indirizzo info@dirittoamministrazioni.it.
Prima che la Diritto Amministrazioni s.r.l.s. possa fornirvi o modificare qualsiasi informazione, potrebbe essere necessario verificare la vostra identità e rispondere ad alcune domande. Una risposta sarà fornita al più presto e, comunque, non oltre 30gg dalla sua ricezione.

10. TITOLARE, RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del Trattamento è la Diritto Amministrazioni s.r.l.s., con sede in Via Strampelli, 4 - 02100 Rieti, P.IVA/C.F.: 01213970575. L'elenco aggiornato degli eventuali responsabili e incaricati al trattamento è custodito presso la sede legale del Titolare del trattamento. Per conoscere la lista aggiornata, è possibile inviare, in qualunque momento, un’email alla casella info@dirittoamministrazioni.it.